Copertina

Ritrovarmi ad Urbino dopo tanto tempo, con nella valigia i libri, e sentirmi di nuovo studentessa, quando per due anni in quel paesino di montagna ero stata per tutti la signorina professoressa, personaggio importante, mi fece molto effetto.
Mentre dal Mercatale, superata porta Valbona, affrontavo la lunga e abbastanza ripida salita, mi guardavo intorno incuriosita, ma, passo passo, sempre più rassicurata; avrei dovuto sentirmi spaesata, in realtà era come se quei due anni e più all’improvviso non fossero passati e ritornassi all’università dopo le vacanze estive.
Il sole di ottobre e un venticello sbarazzino accarezzavano il mio viso, giocavano capricciosi con i tetti e i vicoli, penetravano maliziosi nei ristoranti e nei negozi, facevano capolino indiscreti nelle stanze attraverso i vetri aperti per captare quel residuo di calore e di luce estivi.
Giunta in piazza, mi fermai, poggiai a terra il valigione e mi sistemai meglio la sacca a tracolla. Mi guardai intorno con occhio grato: anche i visi dei ragazzi fermi, a gruppi o isolati, in piazza e davanti al Basili, mi sembravano conosciuti, familiari quasi.
Mi avviai di nuovo, seguita dai loro sguardi. L’ambiente era ristretto e una nuova arrivata faceva notizia, ed io ero ormai in tutto una nuova arrivata. Qualcuno mi fischiò dietro, altri mi lanciarono commenti, uno fece apprezzamenti fantasiosi su ipotetiche mie doti amatorie.
Sorridendo allegramente dentro di me per quella atmosfera conosciuta, rifiutata, dimenticata, ritrovata, giunsi alla mia pensione. E la padrona della pensione mi abbracciò nel vedermi.

Sole d'inverno

di  Nicolucci Anna

La narrativa  pp. 239 Dim. 591kb. downloads: 719
Questo racconto nasce sul filo della memoria. Assolutamente non autobiografica e personale (nulla c’è in esso di autobiografico e personale), bensì di un tempo, di un clima, di stati dell’animo. Deriva da questa condizione di recupero di un momento ormai irrimediabilmente andato, e perciò stesso ormai relegato ai confini della storia, la ricostruzione del tutto particolare, intima ed evocativa, di cose, ambienti, paesaggi. Nulla vuole essere vero, sebbene tutto ambisce ad essere veritiero, nel senso che voci e situazioni, che quel tempo e quei luoghi popolarono, i luoghi stessi, emergono dal mio modo di tornare indietro e di riviverli, dal modo con cui il mio occhio interno scruta i residui sedimentati del passato e ne coglie la trama e il senso complessivo che non possono non essere dunque che del tutto soggettivi, non possono non sfumare e trascolorare dati e oggetti della realtà.

  • Scarica il libro in formato zipDownload
  • Scarica il libro in formato zip leggi pdf
  • Scarica il libro in formato zipRecensisci

  • Recensioni scritte: 2453
  Scarica la copertina
(E-mail)
   
Cancel